Lettere di intenti: dal 2 marzo saranno disponibili nel cassetto fiscale del fornitore dopo la comun


Al fine di agevolare gli acquisti senza IVA degli esportatori abituali, l’Agenzia delle Entrate a partire dal 2 marzo metterà a disposizione all’interno del cassetto fiscale dei fornitori le lettere di intento affinchè gli stessi possano fatturare senza l’applicazione dell’IVA.


Questo è quanto previsto dal Provvedimento dell’Agenzia delle Entrate n. 96911 del 27/02/2020.


Lo scopo è quello di agevolare gli esportatori abituali a comunicare all’Agenzia delle Entrate l’intenzione di non avvalersi del regime di non imponibilità delle cessioni all’esportazioni ai fini IVA.


Pertanto dal 2 marzo l’esportatore abituale dovrà solo predisporre e trasmettere all’Agenzia delle Entrate la dichiarazione di intento, sarà poi direttamente il sistema ad assegnare un numero di protocollo alla dichiarazione che verrà inserita nel cassetto fiscale del fornitore indicato.

8 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti